DHA e depressione post-partum

IL DHA, non solo è essenziale durante lo sviluppo del feto, ma è stato dimostrato che si tratta di un nutriente fondamentale anche per la madre. La forte richiesta di DHA da parte dell’embrione in via di sviluppo, unito all’apporto insufficiente attraverso l’alimentazione, provocano, spesso, che i livelli di DHA nella madre sono subottimi. L’assunzione di pesce grasso ricco di DHA non è sempre corretto (oltre alle possibili perdite durante la cottura), che, insieme alle reticenze relative al consumo di pesce da parte delle donne in gravidanza, per timore alla possibile presenza di contaminazione (es. metalli pesanti, diossine ecc.), spesso provoca che l’apporto nutrizionale di DHA che riceve la futura madre è insufficiente.

La depressione post-partum è un problema che colpisce circa il 10-20% delle donne in gravidanza. Anche se la sua origine sembra complessa (ad esempio ambientale, genetica, ormonale, ecc), ci sono sempre più prove che mirano a un rapporto diretto tra un  basso apporto di omega-3 (soprattutto di DHA) e il rischio di soffrire una depressione post-partum, e che anche il neonato possa soffrire disturbi comportamentali e/o di apprendimento. In diversi studi, è stato osservato che nelle donne con depressione post-partum vi sono dei livelli bassi di omega-3 e soprattutto di DHA. Data l’elevata richiesta di DHA che si verifica durante la gravidanza, è stato osservato che molte donne con depressione post-partum presentano dei livelli bassi di DHA nel sangue, anche dopo 6 mesi dal parto. Per dimostrare ciò, vi sono degli studi che suggeriscono che un apporto adeguato di DHA durante la gravidanza è associato a una minore incidenza di depressione post-partum. Come ulteriore vantaggio, alcuni autori suggeriscono una maggiore protezione contro l’aumento della pressione sanguigna.

• Beth Levant (2011) N-3 (Omega-3) Fatty Acids in Postpartum Depression: Implications for Prevention and Treatment. Depression Research and Treatment, Vol 2011, pp 16
• Coletta JM et al., (2010) Omega-3 fatty acids and Pregnancy. Review in Obstetrics & Gynecology 3(4): 163-171
• Koletzko B et al., (2007). Dietary fats intake for pregnant and lactating women. Consensus Statement. Br J Nutr 98: 873-877
• Ramakrishran U, Kunsch I, DiGirolamo AM (2009) Role of Docosahexaenoic acid in maternal and child mental health. Am J Nutr 89 (suppl): 958S-62S